Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cultura Pop’ Category

Sulla vicenda di Michael Phelps, campione olimpico di nuoto immortalato mentre, con la disinvoltura di chi sa esattamente quel che sta facendo, fumava erba da un bong, temo di non essere per nulla d’accordo con la campagna di solidarietà nei suoi confronti che ha preso il via, anche grazie a militanti libertari d’oltreoceano, nei vari circuiti di social networking.

Edmund Burke sosteneva che tutto ciò che è necessario affinché il male si affermi è che gli uomini buoni non facciano nulla. E difatti, il campione olimpico, che in qualità di personaggio pubblico può influenzare la cultura popolare in modo positivo o negativo, ha scelto la seconda opzione. E non perché ha fumato marijuana, inteso, ma perché ha chiesto scusa pubblicamente.

Patty Pravo, ai suoi tempi, fermata con un po’ d’hashish all’aeroporto Marco Polo di Venezia, dando prova della proverbiale assholeinsofferenza dei veneti verso le inutili procedure burocratiche statali, alla domanda dei ligi compilatori di verbali in divisa se l’artista avesse qualcosa da dichiarare in sua difesa, ebbe almeno il coraggio di rispondere: “Quanto casino che fate per un tocco di fumo”.

Phelps non stava facendo nulla di male, stava semplicemente usando il proprio corpo ed il proprio tempo in un’innocua attività che non lede minimamente la libertà altrui di fare altrettanto. Insomma, i vizi non sono crimini. Allora perché chiedere scusa per qualcosa che nemmeno al diretto interessato – dato che evidentemente non era la prima volta – ha impedito di vincere ben 14 medaglie olimpiche? Perché piegarsi dinanzi alla cultura della criminalizzazione di comportamenti che di criminoso hanno nulla?

Le idee idiote vanno demolite, le leggi cattive devono essere spazzate via e le istituzioni sfidate fino a quando chi le occupa non capirà che le altre persone non sono di loro proprietà. Phelps probabilmente temeva più per la sua reputazione che per eventuali grane giudiziarie. Ma alla sua reputazione avrebbe sicuramente giovato di più una reazione a testa alta, con argomentazioni chiare e logiche che spiegassero come il biasimo generale per il suo gesto sia infondato come sono infondati tutti i tabù.

Michael Phelps dovrebbe vergognarsi non per quello che ha fatto, ma per quello che non ha fatto: cioè sfruttare la sua immagine per tentare di far capire quante risorse preziose si buttano inutilmente -dato che  risultati, ad oggi, non se ne vedono – nel perseguire legalmente comportamenti del tutto innocui o che comunque non ledono i diritti di nessuno.

Per quelli invece che ancora pensano all’erba come a qualcosa di pericoloso e dannoso, il consiglio è di farsi una canna, rilassarsi e fare un po’ di stetching finché non si diventa sufficientemente agili da tirare fuori la testa dal buco del culo.

Sì, perché se la “War on drugs” da punto di vista giudiziario ha fatto più danno che altro, dal punto di vista culturale rischia di fare anche peggio a causa dell’emarginazione di persone normalissime che di tanto in tanto si concedono una breve vacanza orientale e poi riprendono a sgobbare la maggior parte del loro tempo, è bene ricordarlo, per i parassiti dello stato che  le criminalizza.

Read Full Post »

Parliamo di musica. Anzi, non ne parliamo e lasciamo che parli da sola.  

 

You gotta be crazy, you gotta have a real need.
You gotta sleep on your toes, and when you’re on the street,
You gotta be able to pick out the easy meat with your eyes closed.
And then moving in silently, down wind and out of sight,
You gotta strike when the moment is right without thinking.

And after a while, you can work on points for style.
Like the club tie, and the firm handshake,
A certain look in the eye and an easy smile.
You have to be trusted by the people that you lie to,
So that when they turn their backs on you,
You’ll get the chance to put the knife in.

You gotta keep one eye looking over your shoulder.
You know it’s going to get harder, and harder, and harder as you
get older.
And in the end you’ll pack up and fly down south,
Hide your head in the sand,
Just another sad old man,
All alone and dying of cancer.

And when you loose control, you’ll reap the harvest you have sown.
And as the fear grows, the bad blood slows and turns to stone.
And it’s too late to lose the weight you used to need to throw
around.
So have a good drown, as you go down, all alone,
Dragged down by the stone.

I gotta admit that I’m a little bit confused.
Sometimes it seems to me as if I’m just being used.
Gotta stay awake, gotta try and shake off this creeping malaise.
If I don’t stand my own ground, how can I find my way out of this
maze?

Deaf, dumb, and blind, you just keep on pretending
That everyone’s expendable and no-one has a real friend.
And it seems to you the thing to do would be to isolate the winner
And everything’s done under the sun,
And you believe at heart, everyone’s a killer.

Who was born in a house full of pain.
Who was trained not to spit in the fan.
Who was told what to do by the man.
Who was broken by trained personnel.
Who was fitted with collar and chain.
Who was given a pat on the back.
Who was breaking away from the pack.
Who was only a stranger at home.
Who was ground down in the end.
Who was found dead on the phone.
Who was dragged down by the stone.

Read Full Post »

communist_party_t-shirtL’agguerrita band rapcore dei Rage Against the Machine è famosa per la radicale avversione al consumismo, al capitalismo, alle multinazionali, al profitto. La stella rossa che campeggia nel loro logo, inoltre, è una dichiarazione inequivocabile delle simpatie politiche della ditta Morello DeLaRocha & Co.
Bene, leggete la lista di cosucce che questi frugali figli del popolo pretendono di trovare in camerino alla fine di ogni concerto per ristorarsi dopo le fatiche delle loro prodezze artistiche:

Artist Hospitality Room Stock
Following items must be stocked in ARTIST Dressing Room #1 no later than 12:00pm (NOON)

10 x BARS OF WHITE SOAP (DELIVER TO PRODUCTION AT LOAD IN)
6 x PAIRS OF TUBE SOCKS
6 X PAIRS OF COTTON BOXER SHORTS (4 X Large and 2 X Medium)
72 x liters FIJI still water (2 dozen MUST be in small bottles @ room temp)
1 x case of Smart Water
12 x Bottles of Grolsch Beer
12 x Bottles of Amstel Light Beer
6 x Bottles Becks Dark Beer
6 x Bottles Corona
6 x cans Coca Cola
6 x cans Pepsi
6 x cans of Red Bull
6 x Canada Dry Ginger Ale
12 x cans assorted diet soda
12 x Cool Blue Gatorade
12 x SNAPPLE LEMON ICED TEA
12 x SNAPPLE GREEN TEA ICED TEA
2 x quarts FRESH squeeze orange juice
1 x 1/2 gallon Ocean Spray CRAN CHERRY
1 x Bottle Stages Leap Merlot or Cabernet
1 x Bottle of Jack Daniels
2 x bottle Dom Perignon Moet et Chandon champagne
1 x Veuve Cliquot champagne
1 x Pints Of Almond Milk
1 x Box Of Throat Coat Tea
1 x Jar Spun Honey (Quality Honey)
1 x Continuous Supply Of Hot Water
4 x Fresh Lemon
1 x Large Jar Of Medium Hot Salsa
1 x Large container of QUALITY Quacamole
1 x Large Bag Of Tortilla Chips
1 x Large Bag Of Thin Pretzels
1 x Loaf Of Fresh Bread (French Italian Or White)
1 x Loaf Of Wholemeal Bread
1 x Bag ORGANIC, RAW, UNSALTED Macadamia nuts
1 x Jar of ALMOND or CASHEW PENUTBUTTER (usually found at health food stores)
1 x Tray Of Fresh Fruit To Include Peaches , Strawberries, Bananas, Oranges, Apples And Grapes.
1 x Small Deli Tray (Swiss, Monterey, Cheddar Cheese, Lettuce Tomatoes)
1 x SmallTray Of Vegetables (Broccoli, Carrots, Celery, Cauliflower, Green And Red Peppers, Leaf Spinach With Ranch Dressing Dip And One Additional Dip).
1 x Small Deli Tray Assorted Meats, Including At Least 1/2lb Fresh Turkey Breast.
1 x Small Tray Of Assorted (Sweets) Hard Candy And Gum (Starburst, Large Bag Of M & M’s, Hershey Assorted Miniatures, Reeses Peanut Butter Cups).
A Small Assortment Of Condiments: UNSWEETENED KETCHUP, Mayonnaise, Spicy Mustard, FAT FREE Salad Dressing, Salt & Pepper Etc.
An Adequate Supply Of Cups, Bowls, Plates, Napkins, Paper Towels And A Bottle Opener.

Read Full Post »

Ricordo che qualcuno in famiglia ha sempre detto di non pestare i ragni, “che i porta schéi”. Sarà per quello che sono diventato arachno-capitalista.



Read Full Post »

Ho trovato l’intero archivio di “This Modern World”, famose ed esilaranti strisce satiriche ad opera di Tom Tomorrow.

La prima che propongo riguarda l’argomento tasse, ma viste “in prospettiva” (che nella dialettica statalista è un espediente cui ricorrono i devoti del Leviatano per giustificare l’ingiustificabile).
Nota per gli italiani: nel caso non lo sapeste, noi a differenza di Mr. Friendly, lavoriamo non tre ma sette mesi l’anno per lo stato (l’anno scorso il Tax Freedom Day è caduto precisamente il 19 di luglio).



Read Full Post »

Ralph Buckley è un bluesman libertario americano, già noto in rete per il suo endorsement pro Ron Paul. Il pezzo proposto di seguito è uno standard di due accordi di chitarra acustica il cui significato è praticamente tutto nel titolo. Tuttavia, una bella voce ed un’interpretazione particolarmente sentita conferiscono alla narrazione cronistica tipica del genere la giusta dose di spiritualismo, come appunto da migliore tradizione blues.

Scarica l’Mp3



Read Full Post »



Read Full Post »

Older Posts »