Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Old Right’

Simone Cristicchi, noto e spettinatissimo cantante pop italiano, nel suo blog cita Leonard E. Read, economista appartenente alla Old Right assieme, fra gli altri, a ChodorovNockIsabel Paterson. Read nell’immediato dopoguerra fondò la Foundation for Economic Education, istituto la cui mission era quella di contrastare il newdealismo dilagante diffondendo tra i giovani gli ideali dell’individualismo e del laissez-faire. Cristicchi, a proposito di Read, cita il suo racconto “Io, la matita”, ma, volontariamente o no, sembra non coglierne il significato ultimo. Il tono dei commenti è conseguente a questo misunderstaing, tanto che si arriva ad indicare la storia di Read quasi come una difesa del relativismo o di un non meglio definito “pluralismo”. Niente di tutto questo. “Io, la matita” contrariamente a quanto la narrazione dai toni fiabeschi potrebbe indurre a pensare, è una ferma condanna all’interventismo statale.
Di seguito il testo del racconto. 

 

Sono una matita di grafite – la comune matita di legno familiare a tutti i ragazzi e ragazze ed adulti che  leggono e scrivono. Scrivere è sia la mia vocazione che la mia occupazione; questo è tutto quel che faccio. Potreste domandarvi perché dovrei scrivere una genealogia. Beh, tanto per cominciare, la mia storia è interessante. E, poi, io sono un mistero- più grande di un albero o di un tramonto o anche di un lampo. Ma, sfortunatamente, sono accettata come un dato da chi mi usa, come se fossi un semplice episodio senza antecedenti. Questo atteggiamento superficiale mi relega al livello del banale. Questo è un esempio del grave errore in cui l’umanità non può più a lungo persistere senza pericolo. Poiché, osservò il saggio G.K. Chesterton, “ periamo per mancanza di  stupore, non a causa di stupori”.Io, matita, per quanto sembri semplice, merito il vostro stupore e rispetto, una rivendicazione che cercherò di provare. Difatti, se potete comprendermi- no, è chiedervi troppo- se poteste divenir coscienti del carattere miracoloso che io simbolizzo, aiutereste a salvare quella libertà che l’umanità sta infelicemente smarrendo. Ho una profonda lezione da impartirvi. E posso darvela meglio di un auto o di un aereo o di una lavastoviglie perché – beh, perché sono apparentemente tanto semplice. Semplice? Eppure non una sola persona sulla faccia della terra sa come fabbricarmi. Questo pare inverosimile, no? Specialmente  quando ci si rende conto che ci sono circa un miliardo e mezzo di miei simili prodotti  ogni anno  negli USA.Prendetemi ed osservatemi. Cosa vedete? Non molto- c’è del legno, della lacca, la marca stampata, della grafite, un poco di metallo e una gomma.

innumerevoli antecedenti
Proprio come voi non potete risalire troppo all’indietro col vostro albero genealogico, così mi è impossibile nominare e spiegare tutti i miei antecedenti. Ma vorrei suggerirne abbastanza perché su di voi si imprima la ricchezza e complessità dello sfondo.Il mio albero genealogico comincia con quel che è proprio un albero, un cedro di quelli dritti che crescono nella California del Nord e in Oregon. Adesso pensate a tutte le seghe, ai camion, alle corde e agli innumerevoli altri attrezzi usati per raccogliere e trasportare i ceppi di cedro verso i binari della ferrovia. Pensate a tutte le persone e alle svariate competenze occorse alla loro fabbricazione: l’estrazione del minerale, la fabbricazione dell’acciaio e la sua trasformazione in seghe, asce, motori; la coltivazione della canapa e i vari stadi fino ad ottenere una corda pesante e forte; gli accampamenti nel bosco con i letti e le mense, la cucina e la preparazione delle vivande. Diamine,  migliaia di persone hanno avuto un ruolo in ogni tazza di caffè bevuta dai taglialegna !I ceppi vengono spediti allo stabilimento di San Leandro, California. Riuscite ad immaginare gli individui che hanno prodotto i carri e i binari e i locomotori ed hanno costruito ed installato i sistemi di comunicazione che essi presuppongono ? Queste legioni sono tra i miei antecedenti.Considerate il lavoro a San Leandro. I ceppi di cedro sono tagliati in asticelle piccole, lunghe quanto una matita, meno di un quarto di pollice di spessore. Queste sono asciugate in un forno e poi tinte per lo stesso motivo per cui le donne si mettono il rossetto. La gente vuole che io sembri carina, non pallidamente bianca. Le aste sono incerate e di nuovo asciugate. Quante sono le competenze che concorrono alla tinta e all’asciugatura, alla fornitura del calore, della luce e dell’energia, delle cinghie, dei motori e di tutte le altre cose richieste da una fabbrica ? Spazzini dello stabilimento tra i miei antenati? Sì, e vi sono inclusi gli uomini che versarono il calcestruzzo per la diga di una centrale Pacific Gas & Electric Company che fornisce l’energia agli impianti !Non scordate gli avi vicini e lontani che hanno aiutato a trasportare sessanta carichi di aste attraverso il paese.Una volta nella fabbrica – 4 milioni di dollari di attrezzature e costruzioni, tutto capitale accumulato da progenitori economi e avveduti- a ogni assicella sono date otto scanalature con una complessa macchina, dopo di che un’altra macchina sistema grafite in un’asta su due, applica colla e pone sopra un’altra asta- un sandwich alla grafite, per così dire. Io e sette fratelli siamo meccanicamente ritagliati da questo sandwich di legno.La grafite stessa è complicata. Viene estratta a Ceylon. Pensate ai minatori e a chi fa i loro tanti utensili e i sacchi di carta in cui si trasporta la grafite e a chi produce le corde che legano i sacchi e a quelli che li portano sulle navi e che quelle navi costruiscono. Anche il guardiano del faro lungo la rotta ha assistito alla mia nascita- e il pilota del porto.La grafite è mischiata con argilla del Mississippi di cui viene usato l’idrossido d’ammonio nel processo di rifinitura. Poi sono aggiunti agenti inumidenti come il sego sulfonato- grassi animali che hanno reagito chimicamente con acido solforico. Dopo il passaggio attraverso svariate macchine, la mistura si presenta infine come una lunga estrusione- come per una macchina da salsicce- tagliata su misura, seccata e cotta per molte ore a 1850 gradi Fahrenheit. Per aumentarne la forza e la levigatezza la grafite e poi  trattata con una mistura calda che comprende cera del Messico, paraffina e grassi naturali idrogenati.Il mio cedro riceve sei strati di lacca. Conoscete gli ingredienti della lacca ? Chi penserebbe che coltivatori di semi di ricino e raffinatori di olio di ricino ne facciano parte? E’ proprio così. Ebbene, anche i processi attraverso cui la lacca assume un bel color giallo richiedono l’abilità di più persone di quanto se ne possa enumerare! Osservate la marca. E’ una pellicola ottenuta scaldando  nerofumo misto a resine. Com’è che ricavate le resine e, ditemi, cos’è il nerofumo? Il mio pezzo di metallo- la ghiera- è d’ottone. Pensate alle persone che estraggono zinco e rame e a quelle che sanno ricavare lucidi fogli d’ottone da questi prodotti della natura. Quegli anelli scuri sulla ghiera sono nickel nero. Cos’è il nickel nero e come viene applicato? Ci vorrebbero pagine per spiegare solo perché il centro della ghiera non è ricoperto di nickel nero.Infine c’è il mio supremo motivo di gloria, cui nel commercio con poca eleganza ci si riferisce come al “tampone”, la parte che si usa per cancellare gli errori che si fanno con me. Un ingrediente chiamato “factice” è quel che cancella. E’ un prodotto simile a caucciù prodotto dalla reazione di olio di ravizzone delle indie olandesi e di cloruro di zolfo. Il caucciù, contrariamente a quanto si crede, serve solo a scopo di coesione. Poi ci sono ancora numerosi agenti di vulcanizzazione e accelerazione. La pietra pomice arriva dall’Italia; e il pigmento che dà il suo colore alla “gomma” è solfuro di cadmio.

 nessuno sa
Qualcuno vuol mettere in dubbio la mia precedente affermazione secondo cui nessun singolo sulla faccia della terra saprebbe come costruirmi ?Effettivamente, milioni di esseri hanno partecipato alla mia creazione, nessuno dei quali sappia poco più degli altri. Bene, potrete dire che vado troppo lontano collegando la mia creazione al raccoglitore di caffè nel lontano Brasile e ai coltivatori di cibo di altre parti, che questa è una posizione estremista. Devo ribadire quanto sostenuto. Non c’è una singola persona tra questi milioni, incluso il presidente della fabbrica di matite, che contribuisca per più di una piccola, infinitesima parte di competenza. Dal punto di vista del saper fare la sola differenza tra il minatore di grafite di Ceylon e il boscaiolo dell’Oregon è nel tipo di abilità tecnica. Non ci si può dispensare né del minatore né del boscaiolo, non più che del chimico di fabbrica o dell’operaio nel campo di petrolio- essendo la paraffina un derivato del petrolio,Ecco un fatto sbalorditivo: né il lavoratore petrolifero né il chimico né l’estrattore di grafite né chi equipaggia o costruisce le navi o i treni o i camion né chi manovra la macchina che rifinisce il mio pezzo di metallo né il presidente della compagnia assolve il suo singolare compito perché mi voglia. Ciascuno mi vuole meno, forse, di un bambino nei primi giorni di scuola. In effetti, ci sono molti, in questa vasta moltitudine, che non hanno mai visto una matita né saprebbero come usarla. La loro motivazione è altra da me. Forse è qualcosa del tipo: ognuno di questi milioni vede che così può scambiare il suo piccolo saper fare con beni e servizi di cui abbisogna o che desidera. Io posso rientrare o no tra questi.

 nessuna mente pianificatrice
C’è un fatto ancor più sorprendente: è l’assenza di una mente superiore, di qualcuno che detta o con forza dirige quelle numerose azioni che mi portano ad esistere. Non si può trovare nessuna traccia di una tale persona. Invece, troviamo al lavoro la Mano Invisibile. Questo è il mistero a cui mi riferivo prima. E’ stato detto che “ solo Dio può creare un albero”. Perché concordiamo con questo ? Non è perché capiamo che noi stessi non potremmo farlo? In effetti, possiamo anche solo descrivere un albero ? Non possiamo, eccetto in  termini superficiali. Possiamo dire, per esempio, che una certa configurazione molecolare si presenta come albero. Ma quale mente umana potrebbe registrare, non parliamo di dirigere, i continui mutamenti molecolari che avvengono nel corso della vita di un albero? Una tale evenienza è assolutamente impensabile! Io, matita, sono una complessa combinazione di miracoli: albero, zinco, rame, grafite e così via. Ma a questi miracoli che si manifestano in Natura s’aggiunge un miracolo anche più straordinario: la configurazione delle energie umane creatrici- milioni di piccoli saper fare che ingranano naturalmente e spontaneamente in risposta al desiderio e alla necessità umani e in assenza di ogni mente pianificatrice! Poiché solo Dio può creare un albero, insisto nel dire che solo Dio potrebbe farmi. L’uomo non può dirigere quei milioni di saper fare per darmi vita più di quanto possa riunire molecole per creare un albero.Questo è quanto intendevo quando scrivevo: “Se poteste divenire coscienti del carattere miracoloso che io simbolizzo, potreste aiutare a salvare quella libertà che l’umanità sta infelicemente perdendo” Perché se ci si rende conto che queste abilità si organizzeranno naturalmente, sì, automaticamente, in modelli creativi e produttivi come risposta al desiderio e alla necessità umani- vale a dire, in assenza di qualsiasi dirigismo governativo o coercitivo- allora si possederà un ingrediente assolutamente essenziale per la libertà: una fede nelle persone libere. La libertà è impossibile senza questa fede.Una volta che un governo abbia avuto il monopolio di un’attività creatrice come, per esempio, la consegna della posta, la maggior parte degli individui crederà che la posta non potrebbe essere efficacemente distribuita da uomini che agiscono liberamente. E questo è il motivo: ognuno riconosce di non sapere tutte le cose che concorrono alla consegna postale. Egli ammette pure che nessun altro individuo potrebbe saperlo. Tali supposizioni sono corrette. Nessun singolo possiede abbastanza conoscenze per effettuare la distribuzione nazionale della posta più di quanto possegga abbastanza sapere per produrre una matita. Ora, senza la fede nelle persone libere- nell’inconsapevolezza che milioni di piccoli saper fare si formerebbero e cooperebbero, in modo naturale e miracoloso,  alla soddisfazione di questa necessità- l’individuo non può impedirsi di giungere all’errata conclusione che la posta può essere consegnata solo da uno “spirito organizzatore” governativo.

 testimonianze a profusione
Se io, matita, fossi l’unico articolo a poter dare testimonianza di quel che donne e uomini possono fare quando siano liberi di provare, allora gli scettici avrebbero un giusto motivo. C’e’ però abbondanza di argomentazioni; sono dovunque intorno a noi. La distribuzione della posta è estremamente semplice se paragonata, per esempio, alla produzione di un’auto o di una calcolatrice o di una mietitrebbia o di una fresatrice o a decine di migliaia di altre cose. Distribuzione ? Bene, nel campo in cui gli uomini sono stati lasciati liberi di tentare, essi diffondono la voce umana intorno al mondo in meno di un secondo; distribuiscono un avvenimento visivamente e in movimento in ogni casa mentre si sta verificando; trasportano 150 passeggeri da Seattle a Baltimora in meno di quattro ore; forniscono gas dal Texas al fornello o alla caldaia di New York a tariffe incredibilmente basse e senza sovvenzioni; forniscono ciascuno quattro libbre di petrolio del golfo persico alla nostra costa orientale- metà del giro del mondo- per meno soldi di quelli chiesti dal governo per consegnare una lettera di un’oncia dall’altro lato della strada! La lezione che voglio darvi è questa: lasciate fluire tutte le energie creative. Organizzate solo la società perché agisca in armonia  con questa lezione. Fate che l’apparato legale della società rimuova ogni ostacolo meglio che può. Permettete a questi saperi creativi di scorrere liberamente. Abbiate fiducia nell’obbedienza di donne e uomini liberi alla Mano Invisibile. Questa fiducia sarà confermata. Io, matita, per quanto semplice appaia, offro il miracolo della mia creazione come testimonianza di questa fede pratica, pratica come il sole, la pioggia, un cedro, la buona terra.
       

UPDATE: Non è Simone Cristicchi ad aver postato quella citazione, ma Max, a cui rispondo nei commenti.

Comunque sia, io non ho nulla contro Cristicchi, né il titolo del post voleva connotare politicamente il cantante (come l’allusione a “rosso e nero” di Max rischia di far intendere). Non mi interessa la sua produzione artistica, figuriamoci se mi curo delle sue idee politiche. Semplicemente, da libertario, ritengo mio dovere fare in modo che il bagaglio culturale a cui si ispirano i miei ideali venga correttamente inteso o quantomeno che non venga travisato.

 

Read Full Post »

fc1.gifCome scrisse nella propria autobiografia, Frank Chodorov dei film western  apprezzava particolarmente il fatto che, a differenza di quanto si dice riguardo al selvaggio west, era  proprio l’iniziativa privata a garantire l’ordine e il rispetto della legge nella società. 

 

Malauguratamente, i grandi libri sul West sottolineano un dato che invece gli autori cinematografici  a malapena accennano e cioè che il West era “pulito” – voglio dire, sgombero di fuorilegge – non per merito della burocrazia, bensì grazie all’iniziativa privata. Il pubblico ufficiale, come oggi del resto, era più interessato al mantenimento del proprio posto lavoro che al suo svolgimento. Con quel salario, era anche abbastanza restio a rischiare la vita “per il bene della comunità” e la cosa più efficace nel mantenimento dell’ordine nella società del West era il fatto che ogni uomo portava con sé il proprio governo – precisamente nella fondina. L’impresa privata era la vendetta. A coadiuvare le pistole private c’erano la Pinkerton operative e la polizia ferroviaria – imprese private. Esse facevano ciò che si suppone lo stato abbia la competenza di fare, ovvero proteggere la vita e la proprietà. E allora come oggi, quelli che possedevano oggetti di valore da proteggere erano più propensi ad affidare l’incarico a un poliziotto professionista che un poliziotto politico. Il che porta a pensare: le persone e la proprietà dei cittadini di New York non sarebbero più sicure se fossero affidate ad una polizia privata? Ed il lavoro non verrebbe fatto ad costo minore per la cittadinanza?     

 

 

Read Full Post »

weaver4.gifQuello riportato di seguito è un brano di Richard M. Weaver, il southern-philosopher paleoconsrvatore maestro, fra gli altri, di Frank Meyer, e conosciuto  per aver scritto la breve ma filosoficamente densa opera Ideas have Consequences, da cui Murray Rothbard mutuò il suo celebre motto. Uno dei motivi per cui fu scritta, consisteva nel profondo disgusto da parte di Weaver verso la decisione di usare armi atomiche nella WWII. Egli riteneva che quel gesto rappresentasse una parziale, ma rilevante perdita del senso morale; secondo lui, le persone avevano abbandonato la logica nella ricerca della verità trascendente, giungendo così dal puro nominalismo al nichilismo. Le verità morali e la rettitudine svaniscono in simili condizioni, la decadenza invade la cultura e questo provoca guerra senza fine.

 

A Oak Ridge, Tennessee, settantamila persone parteciparono ad un’impresa della cui natura conoscevano poco o nulla; infatti, la propaganda di guerra era stata così efficace che quelle persone si sentivano orgogliose e si vantavano di questa loro ignoranza come fosse un segno di onorevole cooperazione – a cosa? È possibile che alcuni di questi – e tendo a pensare che fossero veramente pochi-, sapendo che i loro sforzi erano finalizzati al massacro di un numero di civili mai contemplato fino a quel momento, oppure, per riprendere la definizione usata prima, al perfezionamento della brutalità, avrebbero rifiutato di dare la loro complicità. Forse conoscevano il concetto di guerra come istituzione che proibisce di uccidere senza scopo; oppure erano intimamente convinti che il mondo sia moralmente determinato, e che offese di questo tipo, affidate ad un qualunque auspicio, alla lunga ripaghino; ad ogni modo, è possibile che alcuni di questi infaticabili lavoratori anonimi un pensiero lo abbiano dedicato all’enorme responsabilità di cui si facevano carico. Si diceva che tra le élites del mondo ve ne fossero alcune che si rifiutarono di partecipare ad un’operazione così contraria alla civiltà. Immaginate lo stato moderno che indice un referendum di coscienza popolare! La bomba era un mezzo senza paragoni: non era sufficiente come spiegazione? È così che fanno le moderne organizzazioni politico-industriali, gerarchie irrazionali che rendono i cittadini degli eunuchi etici. Se Thoreau ai suoi tempi diceva che avere a che fare con il governo era disonorevole, cosa avrebbe detto di questo? Queste burocrazie corrotte sono sprezzanti degli stessi individui nel cui nome misericordiosamente dicono di parlare.       

 

 

Read Full Post »